Qui si parla italiano

Practice your target languages here.
User avatar
Tristano
Blue Belt
Posts: 583
Joined: Mon Jul 20, 2015 7:11 am
Location: The Netherlands
Languages: Native: Italian
Speaks: English, Dutch, French, Spanish
Understands but not yet speaks: Romanian
Studies: German
Can't wait to put his hands on: Scandinavian languages, Slavic languages, Turkish, Arabic and other stuff
Language Log: viewtopic.php?f=15&t=5141
x 858

Re: Qui si parla italiano

Postby Tristano » Fri Apr 27, 2018 8:46 pm

Ehi ragazzi, un altro italiano qui. Ne approfitto che zio Roger si sia già proposto per le correzioni, siccome sono pigro ;) comunque siete bravissimi, sono impressionato.
Anzi, probabilmente Roger scoverà anche errori miei, in quanto vivo in Olanda da cinque anni e l'italiano lo sto parlando pochissimo, solo con la mia bimba di quindici mesi ed una volta alla settimana con i miei genitori su Skype.
0 x

User avatar
reineke
Black Belt - 3rd Dan
Posts: 3434
Joined: Wed Jan 06, 2016 7:34 pm
Languages: Fox (C4)
Language Log: https://forum.language-learners.org/vie ... =15&t=6979
x 6049
Contact:

Re: Qui si parla l'italiano

Postby reineke » Sun Apr 29, 2018 6:44 pm

dedalus66 wrote:Balltongue, perché parli italiano così bene? Hai vissuto in Italia? L'hai studiato all'università?


dedalus66 wrote:
Balltongue wrote:Non me lo ricordo, e non capisco perché, ma I miei genitori mi hanno detto che quando ero piccolo ho smesso di rispondere a loro in vèneto e napolitano...


Ah, quindi, a casa parlavate in napoletano/veneto? Le lingue regionali dell'Italia mi piacciono così tanto - le trovo molto interessanti. Mia madre sa parlare calabrese, una lingua vicina al siciliano.


"Come mai parli italiano così bene?" suona meglio.




2 x

renaissancemedici
Orange Belt
Posts: 198
Joined: Wed Mar 14, 2018 6:41 am
Location: Athens, Greece
Languages: Greek (N), English (C2), French (B2), Italian (A2), German (beginner)
Language Log: https://forum.language-learners.org/vie ... 25#p100832
x 377

Re: Qui si parla italiano

Postby renaissancemedici » Mon Apr 30, 2018 5:48 am

Dopo tutto il Montalbano che ho visto sulla televisione, anch' io vorrei sapere il siciliano. Ovviamente dovrei prima imparare l'italiano!

Image
1 x
I use Assimil right now as a starting point, but at the same time I am building the foundation for further studies of German.

Assimil German with ease: 8 / 100

User avatar
Uncle Roger
Orange Belt
Posts: 132
Joined: Tue Sep 05, 2017 8:53 am
Languages: Italian (Native), English (as good as you see me write it here?), Norwegian (C1?), French (B2), Swedish (B1?)
x 149

Re: Qui si parla italiano

Postby Uncle Roger » Mon Apr 30, 2018 9:22 am

Ok, here come the most important corrections

Cercavo una conversazione in cui si può parlare italiano, ma non potevo trovarla.


better:

Stavo cercando un topic in cui si può parlare italiano, ma non sono riuscito a trovarlo.

Learners tend to over use "potere" and underuse "riuscire", "sapere" and "essere capace/i di" as verbs expressing capability. "Non potere" is almost a thing about ethics, moral stuff.
"Non potevo perdermi quel concerto" = "I couldn't live with myself if I had missed that concert"
"I can't see anything" = "Non riesco a vedere niente" ("riuscire" is for something happening in that moment)
"I can't understand what he says" = "Non riesco a capire quello che dice"
"Can you speak French?" = "Sai parlare il francese?" ("sapere" is for "intellectual skills")
"Can you drive a truck?" = "Sei capace di/sai guidare un camion?" ("essere capace" is more for practical skills in general, not so much tied to a specific moment)


Io sono di Danimarca e la mia propria lingua è danese


Io sono danese e la mia lingua è il danese.

Countries tend to have the article in Italian. La Danimarca, la Francia, la Svezia. Island countries or very small countries are exceptions. Cuba, Cipro, San Marino, Andorra. But not always: il Lichtenstein, la Giamaica, l'Islanda. Same for languages, always with the article.

Accents at the end of words, when the last syllable is stressed:
Italians are very rubbish at this too, even in an age of intuitive writing. Four of the five vowels have only ever the grave accent, the one like this \ : à ì ò ù
E is the only one that can have both acute and grave, but the grave only appears in 4 words of common use: è, cioè, tè (tea) e caffè (coffee).
ALL the other instances (perché, finché, those passato remotos such as poté) all require the acute accent.
3 x
«For children are innocent and love justice, while most of us are wicked and naturally prefer mercy.»
G. K. Chesterton

dedalus66
White Belt
Posts: 33
Joined: Thu Jul 23, 2015 11:08 am
Location: Μελβούρνη, Αυστραλία
Languages: English (N), French (C1), Italian, Greek
x 14

Re: Qui si parla italiano

Postby dedalus66 » Mon Apr 30, 2018 9:46 am

Grazie Uncle Roger per le correzioni. È vero che uso "potere" come si usa "can" in inglese - non riesco a distinguere i due verbi.

Comunque, adesso che ci sono italiani in questo topic, ho qualche domande per voi sulle lingue regionali :

1. Sai parlare la lingua locale della tua città/del tuo villaggio/dei tuoi genitori o nonni?
2. Questa lingua è importante per te?

So che queste domande sono abbastanza generali però, mi piacerebbe sentire dei risposti diversi.

Vi ringrazio in anticipo!
0 x

renaissancemedici
Orange Belt
Posts: 198
Joined: Wed Mar 14, 2018 6:41 am
Location: Athens, Greece
Languages: Greek (N), English (C2), French (B2), Italian (A2), German (beginner)
Language Log: https://forum.language-learners.org/vie ... 25#p100832
x 377

Re: Qui si parla italiano

Postby renaissancemedici » Mon Apr 30, 2018 12:10 pm

Un interessante documentario sulla Sicilia, di roberto Rossellini, prima dell'epoca della correttezza politica.


Rossellini - Idea di un'isola - Sicilia bellissima 1967.

0 x
I use Assimil right now as a starting point, but at the same time I am building the foundation for further studies of German.

Assimil German with ease: 8 / 100

User avatar
reineke
Black Belt - 3rd Dan
Posts: 3434
Joined: Wed Jan 06, 2016 7:34 pm
Languages: Fox (C4)
Language Log: https://forum.language-learners.org/vie ... =15&t=6979
x 6049
Contact:

Re: Qui si parla italiano

Postby reineke » Mon Apr 30, 2018 3:28 pm

dedalus66 wrote:
Comunque, adesso che ci sono italiani in questo topic, ho qualche domande per voi sulle lingue regionali :

1. Sai parlare la lingua locale della tua città/del tuo villaggio/dei tuoi genitori o nonni?
2. Questa lingua è importante per te?

So che queste domande sono abbastanza generali però, mi piacerebbe sentire dei risposti diversi.

Vi ringrazio in anticipo!


Ho/avrei qualche domanda, alcune domande...

...delle risposte diverse.
0 x

dedalus66
White Belt
Posts: 33
Joined: Thu Jul 23, 2015 11:08 am
Location: Μελβούρνη, Αυστραλία
Languages: English (N), French (C1), Italian, Greek
x 14

Re: Qui si parla italiano

Postby dedalus66 » Tue May 01, 2018 9:56 am

Grazie Reineke. Però mi chiedo se potessi rispondere alle mie domande? Sto cercando dell'informazione per saperne di più ...
0 x

User avatar
vinnie
White Belt
Posts: 22
Joined: Mon Apr 30, 2018 9:24 pm
Languages: Italian (N), Engish (beginner), German (beginner)
x 8

Re: Qui si parla italiano

Postby vinnie » Tue May 01, 2018 12:15 pm

Dedalus, sono appena iscritto ma ti rispondo io.
La "lingua locale della città" è meglio conosciuta come "dialetto" (in inglese dialect).
Io capisco il dialetto del mio paese, possiedo un po' l'accento e riesco a pronunciare alcune frasi, ma non riesco a parlarlo ( fluentemente :lol: )
Inoltre riesco a capire una parte degli altri dialetti italiani, questo perché girando e frequentando altre persone che lo parlano ci si fa l'orecchio (ci si abitua a sentirli), è un fenomeno naturale.

Il dialetto è importante per me?
Risposta breve: no
Risposta lunga:
Il dialetto è storicamente importante, per un linguista credo sia interessante trovare tutti i collegamenti nascosti che ci sono con le altre lingue (nel mio dialetto per esempio ci sono molte parole commutate dal francese piuttosto che dall'italiano).
Più generalmente è interessante anche notare le differenze fra un dialetto e un altro e vedere quanto queste influiscano anche sul comportamento tipico delle persone di un luogo (insomma, un modo per individuare gli stereotipi delle persone).
È un aspetto molto folcloristico.
Però per me si ferma tutto qui.
È bello conoscere le radici delle lingue perché le lingue parlate sono lingue naturali e quindi si evolvono spontaneamente, però la lingua serve a comunicare ed è utile conoscerla proporzionalmente a quanto sia diffusa (ed espressiva).
Il dialetto non è neanche una lingua ed è poco diffuso, è inutile conoscerlo.
0 x

User avatar
Uncle Roger
Orange Belt
Posts: 132
Joined: Tue Sep 05, 2017 8:53 am
Languages: Italian (Native), English (as good as you see me write it here?), Norwegian (C1?), French (B2), Swedish (B1?)
x 149

Re: Qui si parla italiano

Postby Uncle Roger » Tue May 01, 2018 1:26 pm

Allora... (rather important non-word (i.e. "un intercaláre") used when you start to speak)

Non parlo il dialetto milanese perché nessuno dei miei genitori è di Milano.
Inoltre è uno dei dialetti che sta scomparendo maggiormente, perché Milano è stata (ed è ancora) una città di immigrati dal resto dell’Italia.
Mia madre è sarda. Il sardo è considerato una delle tre lingue di minoranza dell’Italia (le altre sono il friulano e il ladino). Capisco quasi tutto (C1?) e parlo un po’ (B1?) il nuorese/logudorese, uno dei dialetti del sardo. Il sardo è una specie di mix tra italiano, catalano, latino e forse anche greco.
Per esempio, fa il plurale con la S.

su pizzinnu = the boy
sos pizzinnos = the boys
Certe parole sono molto diverse dall’italiano
venerdì = chenáppura

Non so dire quanto questa lingua sia importante per me. L’ho imparata perché quando mia nonna veniva a stare da noi a Milano, parlava sardo con mia mamma per rapidità e comodità. Per me e mio fratello è una specie di lingua segreta/comica. Certe espressioni o proverbi le diciamo e le diremo sempre e solo in sardo. Mia madre è molto fiera che io e mio fratello lo capiamo, perché non è così scontato che le nuove generazioni lo parlino. Credo che l’essere stato esposto a una lingua diversa dall’italiano fin da piccolo mi abbia aiutato ad imparare altre lingue.
1 x
«For children are innocent and love justice, while most of us are wicked and naturally prefer mercy.»
G. K. Chesterton


Return to “Multilingual Room”

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 2 guests